Il circolatore termico a immersione (CTI) è lo strumento conosciuto più comunemente con il nome di Roner.

In realtà “Roner” è soltanto il nome commerciale di questo apparecchio, ricavato dalla fusione dei cognomi dei suoi ideatori, Joan Roca e Narcís Caner (Ro-Ner) quando lo hanno ideato, nel 1997.

È a tutti gli effetti un riadattamento dei circolatori termici usati in laboratorio per far crescere le culture batteriche, poiché quest’ultimi non erano progettati per gestire le temperature necessarie a cuocere gli alimenti.

È composto da un termostato collegato a una resistenza e un piccolo sistema di ricircolo dell’acqua. Questo strumento ci permette di cuocere a una temperatura controllata elettronicamente in maniera estremamente precisa e costante.

Le cotture in cui si utilizza il circolatore termico a immersione avvengono in acqua, generalmente tramite il sistema sottovuoto.
Inizialmente i fratelli Roca lo utilizzavano esclusivamente per cotture dirette, vale a dire cottura sottovuoto espressa durante il servizio.

Negli anni, questo sistema di cottura a temperatura controllata ha avuto la sua naturale evoluzione e oggi è molto usato anche per le cotture indirette.

 

CURIOSITÀ: il primo piatto dei fratelli Roca che giovò dei benefici della cottura sous vide, fu il "Baccalà tiepido con crema di Idiazabal, spinaci, pinoli e riduzione di Pedro Ximénez".