4.9
(7)

Se ancora non la conosci, come puoi facilmente intuire dal nome stesso, la cottura sottovuoto notturna non è altro che una cottura che si effettua durante la notte, ma solo se hai a disposizione gli strumenti che lo permettono.

Ma perché dovresti cuocere di notte? Vediamolo subito!

Perché dovresti sfruttare la cottura sottovuoto notturna

Hai presente quella sensazione di disorientamento che hai la mattina appena entri in cucina?

Sì proprio quella!
Quando hai una lista infinita di compiti da eseguire, ma non sai proprio da dove cominciare! E quello è solo l’inizio di una lunga giornata, perché sai bene che fra meno di un paio d’ore arriveranno anche gli imprevisti.

Ma per fortuna tu sei un cuoco ben organizzato, hai una confezionatrice sottovuoto a campana, un buon C.T.I. e di conseguenza un menù che ti permette di lavorare con il sistema del sottovuoto. Non è vero?

Ma guarda caso, ancora ti ostini a voler cuocere di giorno piuttosto che sfruttare la notte per alleggerire il lavoro, solamente perché ti piace avere tutto sotto controllo!! Non è vero anche questo? Ti abbiamo letto nel pensiero? Vuoi sapere come abbiamo fatto?
Molto semplice! Perché ci siamo passati anche noi!
Esattamente come te, anche a noi piace avere tutto sotto controllo e ben organizzato in modo da fare le cose come dei veri professionisti.

In tutto questo voler controllare ogni cosa, non ti accorgi però che devi mettere a cuocere il capocollo, poi le costine, il polpo e dopo i carciofi e poi ancora le patate… in una corsa senza fine dove il tempo sembra non bastare mai!

E in un attimo arrivi a mezzogiorno, inizia il servizio ma ti accorgi di aver dimenticato di fare un ordine la sera prima. Nel frattempo ti chiama un fornitore per dirti che non riesce a consegnarti le seppioline in tempo. Chiudi il telefono e ti rendi conto che il lavapiatti non si è ancora presentato ed è tardissimo, ma ecco che i primi clienti sono già seduti e stanno chiedendo al cameriere quali sono i piatti senza glutine… SBAM!

“BASTAA!! Neanche mezzogiorno e mi sono già rotto le palle!! Ce n’è sempre una!!!”

Di’ la verità… l’hai detto, vero?

Che cos’è la cottura notturna e come iniziare a sfruttarla

Hai presente quanti problemi deve risolvere il tuo cervello, in poco tempo, sotto pressione, magari anche in condizioni di stanchezza e temperature ostili?
Pensaci bene: quando sei in cucina devi essere un “problem solving” vivente. E nel frattempo devi tenere sotto controllo altre mille cose!

Quindi perché non approfittare della pausa pomeridiana e di quella notturna per liberarti la testa da almeno una parte di questi pensieri?

Ecco un metodo semplice ed efficace, per capire come devi fare per iniziare subito a sfruttare la cottura sottovuoto notturna:

  1. Dividi accuratamente tutti gli alimenti del tuo menù in base ai tempi di cottura, separando quelli che richiedono cotture lunghe (oltre le 10 ore), da quelli che necessitano cotture medie (3 o 4 ore) e cotture brevi (fino a 2 ore).
  2. Tra questi alimenti, fai un elenco di tutti quelli che possono cuocere alla stessa temperatura (forse non saranno molti ma intanto provaci);

Perfetto!
Ora pianifica seguendo questa logica:

  • Tutte le cotture lunghe devono essere programmate per cuocere la notte;
  • Le cotture medie le predisponi per il pomeriggio;
  • Infine tutte quelle brevi le distribuisci durante la giornata, nell’arco di tempo restante.

Per esempio, potresti sfruttare il principio delle stesse temperature in questo modo: hai appena cotto una lingua di manzo a 85 °C per tutta la notte?
Bene, quando arrivi la mattina puoi immergere nella stessa acqua di cottura le buste con le patate e quelle con i carciofi.

Così  facendo ottimizzi sia i tempi che le temperature.

Ma non solo!
La cucina lavorerà senza la necessità che tu sia presente, ti toglierai una parte delle preoccupazioni e dei pensieri, ma cosa ancora più importante (fai bene attenzione), starai lavorando con un giorno d’anticipo.

Così facendo, quando la mattina entri in cucina ti trovi già con una buona parte di alimenti cotti, con altri che saranno cotti a breve e mentalmente ti sentirai più sollevato!

Il rischio da non sottovalutare

Ricorda però una cosa fondamentale: quando non sei presente in cucina, non c’è nessun controllo di sicurezza dei macchinari.
Quindi evita assolutamente di inventarti prese con 8 spine, cavi che passano sopra le vasche d’acqua o altre situazione a rischio. Potresti trovare brutte sorprese l’indomani!

Infine ricordati anche di coprire la vasca di cottura del tuo CTI, per evitare che l’acqua evapori eccessivamente attivando il sistema di sicurezza. A quel punto, ti ritroveresti con il CTI bloccato, l’acqua fredda e con buona probabilità di dover buttare l’alimento a causa di una elevata proliferazione batterica.

E tu, hai mai sfruttato la cottura sottovuoto notturna, prima d’ora?
Ora che hai le corrette conoscenze, sai come organizzarti per sfruttare le cotture notturne a tuo vantaggio. Il resto dipende solo da te!

Se invece stai già cuocendo regolarmente in questo modo, quali alimenti stai destinando alla cottura notturna? Facci sapere come hai organizzato il tuo lavoro!

La tua opinione è importantissima per noi.

Teniamo molto a creare la miglior esperienza possibile e condividere le informazioni in maniera efficace.
Aiutaci a migliorare i contenuti mettendo la tua valutazione a questo articolo: scegli quanti “pollici” pensi valga e inviaci il tuo feedback anonimo se ti verrà proposto dopo aver votato.

Facci anche sapere, nei commenti qui sotto, se ciò che hai appena letto è sufficientemente chiaro, oppure scrivici i tuoi suggerimenti se pensi che possiamo ancora migliorare!